MENU
22 novembre 2014
Isabella Ferrari

Isabella Ferrari: “Sono libera ma se tradisco non confesso”

11 luglio 2012 • Vetrina Cinema

Isabella Ferrari ha rilasciato un’intervista a Vanity Fair in cui si dichiara libera e spregiudicata.
48 anni, tre figli, una sensualità che trasuda da ogni poro del suo volto e del suo corpo.

Isabella Ferrari

Attrice apprezzata, ha recitato destreggiandosi alla perfezione in pellicole leggere e impegnate. Tra tutte, ricordiamo: Vite sospese di Marco Turco; La lingua del santo di Carlo Mazzacurati; Amatemi di Renato De Maria; Arrivederci amore ciao di Michele Soavi; Il seme della discordia di Pappi Corsicato; Saturno contro e Un giorno perfetto di Ferzan Ozpetek; Caos calmo di Antonello Grimaldi (con Nanni Moretti); Due partite di Enzo Monteleone; e nel film di Woody Allen To Rome with love, con un piccolo cammeo.

Riguardo alla sua sensualità ha dichiarato: «Sedurre è uno dei piaceri della vita, non ci rinuncerei, però non sono una che flirta. Se mi succede di essere colpita da qualcuno, di solito mi innamoro». E a chi le chiede come il marito prenda il suo desiderio di libertà controbatte: «Con Renato ci siamo sposati per sensualità, il giorno del battesimo di Giovanni, senza avvisare nessuno: mia madre si è talmente arrabbiata che dopo non è neanche venuta al pranzo a festeggiare. La sera, ci siamo ritrovati a letto e avevamo tutti e due questa fede che sembrava troppo pesante. Allora ce la siamo tolta. La libertà per me viene al primo posto. Non posso pensare di appartenere a qualcuno, il nostro matrimonio funziona da tanti anni perché io ho un piede fuori e Renato lo sa».
In merito al tradimento, l’attrice confessa: 
«Pur non essendo conformista, da questo punto di vista sono all’antica e penso che se tradisco non lo dico, e se vengo tradita non lo voglio sapere. La coppia aperta per me non esiste: certe cose non si dicono».

Forse sarà questo il segreto del suo matrimonio felice con il regista Renato Di Maria che dura da undici anni…

di Angela Laurino

Related Posts

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

« »